Pico de la Nieves

Scopri uno dei luoghi più suggestivi per scattare splendide fotografie sull’isola di Gran Canaria.


Non è più chi arriva più in alto, ma chi è influenzato dalla bellezza che lo circonda, la sente più intensamente. (Maurice Herzog)

Questo magnifico punto di vista, accanto al punto più alto dell’isola di Gran Canaria (il Morro de l’Agujerada, 1956 metri), è uno dei miei posti preferiti per fare foto, sull’isola di Gran Canaria.

È un posto con un fascino speciale. Le condizioni climatiche variabili e soprattutto il mare di nuvole, premiano con preziosi scatti. Il vento, che di solito è un elemento comune nella zona, diventa un grande alleato per scattare fotografie in movimento o fare un time-lapse. L’aiuto di un buon treppiede che resiste agli attacchi è un elemento essenziale in questo percorso.

Come arrivare a Pico de la Nieves
Se prendiamo la Cruz de Tejeda come punto di riferimento, dove si trova l’unico Parador Nazionale di Gran Canaria, possiamo accedere al Mirador del Pico de Las Nieves. Per questo prendiamo la deviazione del GC-150 accanto al Rural Hotel El Refugio. Successivamente, la deviazione del GC-130 e da lì l’accesso al punto di vista attraverso una breve sezione del GC-134. Un viaggio di circa 15 minuti che ci porterà nel punto più alto dell’isola. È possibile parcheggiare il veicolo nei posti di parcheggio limitati esistenti.

Cerca il tramonto
Non appena scendi dalla macchina, il punto di vista offre una spettacolare vista panoramica del centro e ad ovest dell’isola. Sottolinea l’imponente presenza di Teide (Tenerife) sullo sfondo (se nebbia e foschia lo consentono). È possibile osservare le due cime più rappresentative del vertice di Gran Canaria, il Nublo e il Bentayga.

Nel mese di settembre, ad esempio, il Sole si nasconde a questo punto tra le 20:22 del primo giorno e le 19:48 alla fine del mese. Si consiglia di arrivare al sito con almeno 30 minuti di anticipo. Un po ‘di più se l’intenzione è di accedere all’area della Ventana del Nublo, vicino al punto di vista, e di cui parleremo più avanti.

Popolarmente conosciuta come il Pico de Las Nieves, il suo vero nome è il Mirador del Pico de los Pozos de la Nieves. Il suo nome deriva dalla vicinanza di tre pozzi che furono costruiti dal XVII secolo per immagazzinare le acque nevose invernali per l’estate. Due di loro sono stati riabilitati e visitabili.

Tutti questi posti ci offrono immagini molto rappresentative e degne di condivisione. Ma quello che propongo è che tu venga a goderti lunghe passeggiate. Goditi il ​​viaggio e i valori naturali di Gran Canaria e le possibilità di godere di camminare in mezzo alla natura selvaggia. Naturalmente, partecipando a una serie di raccomandazioni in modo da poter svolgere questa attività in modo sicuro e con il massimo comfort possibile.

Presta attenzione ai vestiti
È il tramonto il momento migliore per fare foto in questo posto. Verso ovest, dove sono orientati gli elementi di maggiore interesse . Essendo un luogo situato a quasi 2000 metri di altitudine e dove il vento soffia con forza, è essenziale indossare gli indumenti appropriati. Vestiti caldi, in

Indumenti caldi, anche nei mesi estivi, dovrebbero essere inclusi nello zaino. Fuori dai mesi estivi, i guanti, un cappello e l’abbigliamento termico non saranno mai fuori posto. Credimi, so cosa dico e che la temperatura a questo punto di solito non supera gli 8 gradi durante l’inverno.

Non dimenticare di indossare scarpe comode che ti consentano di camminare in modo più sicuro attraverso le zone di montagna. La ghiaia e le pietre libere possono metterti in difficoltà. Inoltre, è molto importante mettere nello zaino un frontale o una torcia elettrica per quando la luce naturale cala dopo il tramonto.

Goditi i dintorni e i panorami
In questa rotta che ti propongo, non tutto sarà fotografia. Goditi il ​​paesaggio, la compagnia o la solitudine, come preferisci, richiede una preparazione preliminare. Cerca di vivere un’esperienza piacevole che vorrete ripetere ogni tanto. E questo punto di vista ci dà praticamente un nuovo paesaggio ogni giorno. Anche ogni ora, dal mare di nuvole, il vento, il sole e il resto dei protagonisti, rendono ogni fotografia e ogni momento unici. La tranquillità e la pace che si respira fanno parte di quella “tempesta pietrificata” di cui parlava il grande Miguel de Unamuno. Questi sono i momenti che richiedono una pausa e come diciamo su questa terra per fare le cose correttamente.

Digitalila.com ti aiuta a scoprire i posti più belli delle Canarie. Hai bisogno di qualche consiglio su dove soggiornare, mangiare o luoghi da visitare? Scrivici

Please follow and like us:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *